Percorso d’Autore: Erminia Passannanti

Poesie scelte di Erminia Passannanti
 

Lo scopo dei segni

Siedo qui immersa nelle mie reveries
i seni tratteggiati, le membra
svogliate e torte,
minorata che regge una posa
all’ultima moda

restauro – lupus in fabula
storia che riaccade (ovvero refrain
di fonosimbolismi che dicono
l’Essere “E”,
il Corpo “C”, la Vita “V”,
la Morte”M”
tra alternate cause sillabiche)

esplicita d’ intenti – che svolgo
asimmetrie – parole
dalle vaghe etimologie, nebbie
di rei componimenti
(malagevoli all’uso).

Il mio impeto è un gioco
innocua la metrica
che innesca suoni impropri
rinnegando la forma
canzonando l’altrui foco.

Richieste

richieste di ciascuno
intatte lungo un sentiero
che costeggia una  ferrovia strategica
qualche cadavere in disparte
come l’ente della rosa
scomparsa nel 2000

devozione di un’allocuzione
autocrate imposta
a tutti i membri presenti
nel sogno

– Potremmo pernottare qui, che ne dici?
– Splendido hotel…ha una sorta d’autenticità letteraria…
– Indubbiamente.
– Che mi racconti di tuo padre?
– Morto.
– Già. Muore ogni notte.
– Ha penato. Sì, ha molto sofferto.
– In che modo?
– Come un agnello in un’allegoria.

due magre mani su un vassoio di marmo
che gocciolano sangue – e un cuore tondo
che sboccia come un qualsiasi altro fiore
o come un discorso integrale.

poi fuori dal nulla
incantevole e mistico
bacia sulla guancia la sua rosa
come un amante

– oh, fiore di uguale nome
ingannevole, come la visione
in cui la donna vede
l’amante qual era e qual più
non è.

Non un mistero….

non un mistero, non un sentiero da svelare
ma un gruppo di villici, malvestiti, che s’allontana
procedono a schiera,
confabulando rivolte.

il più giovane regge un’ascia.
ha il volto rivolto verso il più vecchio,
un uomo sulla quarantina di media altezza,
biondo e robusto, colono del podere d’un conte.

il conte – mio nonno – proprietario di 3000 ettari di terra
3 figli illegittimi – siede reggendosi la fronte
nella sala dei ritratti di famiglia – la secondogenita, la più avvenente,
consegnata alla nascita a un orfanotrofio di Napoli.

il sole illumina il sentiero di sterpi e more
lungo cui  – compiuti i vent’anni –
s’incammina mia madre  –
cappotto americano e tacchi a zeppa
alla volta della villa paterna.

alla distanza, il grano splende nella luce del pomeriggio.
le pale del mulino pescando nella melma grovigli di anguille.

la mano di mia madre sanguina – tra l’erba, l’ha baciata una biscia.

La cosa esposta. O della memoria selettiva

Una delle difficoltà centrali
Della vita è la morte.
La sua rappresentazione è complessa.
Non s’adegua a nessun campione di valore.
Non ha larghezza intrinseca né un’ideale altezza.

Dunque nella foto dove mia nonna siede composta
Presso il corpo inerte di mio nonno
Sistemato in una bara inclinata e aperta
Non è la morte la cosa esposta.

Introito rapido

accetta il mio consiglio
non s’ha da fare alcuna cosa
che possa aggravare
la situazione odierna

il tempo s’arroga il ruolo
di legislatore della forma completa
per quanto presa e vilipesa
da chiunque
ed in qualsiasi senso

per l’intero gruppo di contadini
colti dal mortale
accidente del breve espediente
cagionato da Dio
per metterli al riparo
dalla difficoltà

e rendersi garante
che qualsiasi cosa  decidessero
fosse fatta rapidamente

rapido amore e corteggiamento
cura della prole e accanimento
la morte desiderata e rapida
come un pendio
un’ascia una corda

fatale e risentito
pallido con allineamento orizzontale
il margine vitale

Erminia Passannanti

Vincitrice, nel 1995, del premio di poesia della Rassegna Nazionale “Laura Nobile” (Siena), la sua seconda raccolta di poesia, Macchina, è pubblicata da Manni Editore (2000) nella collana ‘La Scrittura e la Storia’, in cui è anche compreso il poemetto In Iugoslavia con i piedi a terra. Una selezione di sue poesie, dalla raccolta Noi Altri, è inclusa in “5 Poeti del Premio Laura Nobile” (Vanni Scheiwiller, Milano 1995). Nel 2004, ha vinto il Premio Nazionale di Poesia Davide Turoldo (Como).

Sempre del 2003, Mistici (Ripostes) e Ex-stasis (Lietocolle). Del 2004, La realtà (Ripostes) e Il Roveto (Troubador). Nel 2005, ha pubblicato, nella traduzione di Brian Cole, Machine. Del 2006, Il Torsolo del Ventre ed Altre Fandonie (Troubador).Suoi monologhi drammatici sono stati rappresentati a Londra alla Queen Elizabeth Hall. Sue poesie sono comprese in varie antologie Clandestini (Lietocolle, 2003), East of Auden (Poetry Direct, 2003), La poesia salverà il mondo (Nuovi Mondi Editore, 2003), Il segreto delle fragole (Lietocolle, 2004).

E’ docente di ruolo di Lingua e Letteratura Inglese con il Ministero della Pubblica Istruzione. Ha conseguito un Ph.D. in Letteratura italiana presso lo University College London con una tesi di dottorato sull’opera di Franco Fortini (Essay Writing, Lyric Diction and Poetic Translation in the Work of Franco Fortini, UCL, 2004).

Ha pubblicato tre monografie: Il Cristo dell’eresia. Rappresentazione del sacro e censura nei film di Pier Paolo Pasolini (2009), Il Corpo & il Potere. Salò o le 120 Giornate di Sodoma di Pier Paolo Pasolini (Troubador, 2004, Joker sec. ed 2008),  Poem of the Roses. Lingusitic Expressionism in the Poetry of Franco Fortini (Troubador, 2004).

Ha inoltre curato la traduzione di opere in lingua inglese, tra cui: Emily, Charlotte e Anne Brontë, Poesie (Ripostes, 1989); Leonard Woolf, A caccia di intellettuali (Ripostes, 1990); Hubert Crackanthorpe, Racconti Contadini (Guerini e Associati, 1991, a cura di Franco Buffoni); Gli Uomini sono una beffa degli angeli: Poesia britannica contemporanea (Ripostes, 1993). È la traduttrice italiana dell’opera del poeta gallese R.S. Thomas. Il volume antologico delle poesie Thomas,  pubblicato con Manni, nel 2000, ha titolo Liriche alla svolta di un millennio.

Home-page. http://erminiapassannanti.blogspot.com/

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: