Percorso d’Autore: Fabio Franzin

Fabio Franzin è nato nel 1963 a Milano. Vive a Motta di Livenza, in provincia di Treviso. Ha pubblicato le seguenti opere di poesia.

Nel dialetto Veneto-Trevigiano dell’Opitergino-Mottense:

El coeor dee paròe, Roma, Zone, 2000, prefazione di Achille Serrao. Canzón daa Provenza (e altre trazhe d’amór), Milano, Fondazione Corrente, 2005 (premio “Edda Squassabia 2004). Pare (padre), Spinea, Helvetia, 2006, introduzione di Bepi de Marzi. Mus.cio e roe (Muschio e spine), Sasso Marconi, Le voci della luna, 2007, 2a ed. 2008, introduzione di Edoardo Zuccato, “Premio S. Pellegrino Terme 2007”, “Superpremio Insula Romana 2007”, “Premio Guido Gozzano 2008”, Premio speciale della giuria ”Antica Badia di S. Savino 2008”. Erba e aria, Rimini, Fara, 2008, nell’Antologia “Dall’Adige all’Isonzo – Poeti a Nord-Est” (a cura di Alessandro Ramberti, introduzione di Chiara De Luca e Massimo Sannelli). Fra but e ortìghe (fra germogli e ortiche), Montereale Valcellina, Circolo Culturale Menocchio, 2008. Fabrica, Borgomanero, Atelier, 2009, 2a ed. 2010, “Premio Pascoli 2009”, “Premio Baghetta 2010”. Rosario de siénzhi (Rosario di silenzi – Rožni venec iz tišine), Postaja Topolove, 2010, edizione trilingue con traduzione in sloveno di Marko Kravos. Siénzhio e orazhión (Silenzio e preghiera), prefazione di Franca Grisoni, Motta di Livenza, Edizioni Prioritarie, 2010.

In lingua:

Il groviglio delle virgole, Grottammare, Stamperia dell’arancio, 2005, premio “Sandro Penna 2004 sezione inedito” con introduzione di Elio Pecora. Entità, in E-book, Biagio Cepollaro E-dizioni, 2007.

*

Nel 2009, La rivista Atelier gli ha dedicato, monograficamente, il n°53. Nel 2010 ha vinto il premio “Giacomo Noventa – Romano Pascutto”. Sue poesie, accolte in molteplici riviste in Italia e all’estero, sono state tradotte in inglese, francese, cinese, arabo, tedesco, spagnolo, catalano e sloveno.

*

Il 19 dicembre p. v., presso “Le voci della luna” uscirà la raccolta “Co’e man      monche” (Con le mani mozzate), canto straziato di un milione di cassintegrati nell’Italia odierna. La prefazione è curata da Manuel Cohen.

Testi scelti

Da “Il groviglio delle virgole”

Dire vita

dire vita. Come se fosse semplicemente

pronunciare una parola qualsiasi;

come se non si trattasse, invece

di conquistarsela, in ogni istante,

o cercare di trattenere con le unghie,

strenuamente, ognuna di quelle quattro

lettere dal bordo del nulla che le attrae.

Come se fosse una condizione certa

e non un precario equilibrismo sopra

il cratere eruttante dell’urlo che sempre

esplode dentro noi, o non, forse,

una perenne corte alla luce, un canto

solitario che si perde fra le stelle, dentro

le nebbie della noia; un vagito innestato

al dolore, alla gioia; un rancore che prude

proprio quando la nostra storia rima

con una delle folte assenze che dobbiamo

per forza attraversare lungo l’irto sentiero dell’amore.

Dire vita, pero.

Proprio, e perciò, come se fosse semplicemente

una parola qualsiasi. Come se fosse un’oasi,

e non un’ansia che consuma. Dire vita, comunque,

quando la vita vizia lo sguardo, e la forma

di una voce è già quella, perfetta, di una rosa.

Il quadrifoglio

il muro di pietra, il davanzale

narcisi in una bottiglia di plastica tagliata

e intorno l’aria azzurra che gonfia il bucato

è in declivio il prato davanti alla casa

incominciava da te, dalla tua mano

sulla fronte per guardare meglio,

per vedere se scorgevi l’auto rossa

sbucare oltre il tornante; il grembiule

scuro a fiori piccoli che voleva volare

incontro ai tuoi figli.

Pasque

e pascoli della memoria a cui il buio

bruca via anche il quadrifoglio

che ogni volta ci facevi trovare

in tavola, sul piatto bianco, lindo.

Una stonehenge nostrana

quella fila di covoni

eretti lì, lungo la pianura,

se la segui con lo sguardo

dal fondo del campo appare

un’allodola, al mattino;

di notte conduce diritta alla luna.

Loro, così immobili, nel buio

sembrano massi panciuti

deposti per tracciare una linea,

una curva arcaica e astrale

in questa terra senza requie,

senza più virgola alcuna

da poter rispettare.

da “Pare” (Padre)

Fra i confini dea vita

(In memoria di mio padre Antonio, in benvenuto a mio figlio Jacopo)

‘Sti stanbi zorni de utùno, ora cussì caldi

e ciari, ora cussì covèrti e afosi, cussì caìvosi.

Un zhigo ‘l vent, ieri nòt, e ‘l scuro scuriàr de frasche

contro ‘e finestre fuiscàdhe de l’ospedàl.

E i nidi, pensée: se ghin ‘é, chi ‘o che metarà

un téon sot’i albari? E po’ incòrderse pa‘a prima

volta che ‘l zal dei setenbrini s.ciopà drio ‘e rive

dea Livenza ‘l fa rima co’ quel dee fòjie dee piòpe

piantàdhe longo i só àrdheni. ‘Sti stranbi zorni

de utùno e i fòji del caendàrio che i me casca

stonfi dae man disendo de ‘na vita che la ‘é squasi

drio ‘rivar e de una che, massa sguèlta, ‘a scanpa via.

Co’i stessi làvari che ‘ò basà ‘a front

maeàdha de mé pàre, ‘dèss ‘scolte ‘sti

colpéti lidhièri, ‘sti calcéti cèi, e bei,

pudhàndoi tea panzha piena de mé fémena.

Piove fòjie rosse ‘dèss, tii nizhiòi futignàdhi,

drio i bianchi curidhòi sgrafàdhi dal doeór.

E ‘dèss sò, co’a pì maedéta dee sicurezhe

che quel che me ‘à dat ‘a vita e quel

che da mì la ‘varà no’ i riussirà a incontrarse.

So che mé pàre, nonostante tut el só ben,

no ‘l me ‘assarà far festa pa ‘a nàssita

de mé fiòl, e sò che ‘a nàssita de mé fiòl

no ‘a me ‘assarà piàndher mé pare

come che ‘l meritaràe.

Mi son qua, co’na man strenta

pa’ provàr a tègner duro, e chealtra

vèrta a spetàr, pronta a ninàr.

No so co quàea dee dó èpie possù scriver ‘ste paròe.

Fra i confini della vita

Questi strani giorni d’autunno, ora così caldi / e limpidi, ora così coperti e umidi, così nebbiosi. //Un urlo il vento, ieri notte, e il buio frustare di fronde / contro le finestre appannate dell’ospedale. // E i nidi, pensavo: se ce ne sono chi appronterà / un telone sotto gli alberi? E poi il primo notare / che il giallo dei toupinambùr esploso lungo le sponde / del Livenza rima con quello delle foglie dei pioppi / che ne costeggiano i suoi argini. Questi strani giorni / d’autunno e i fogli del calendario che mi cadono / inzuppati dalle mani dicendo di un arrivo / e di un’altrettanto imminente partenza. / Con le stesse labbra con cui ho baciato la fronte / emaciata di mio padre ora ausculto questi / quasi impercettibili sussulti, questi cari calcetti / appoggiandole sul ventre teso di mia moglie. // Piovono foglie rosse ora, sulle lenzuola stropicciate, / lungo i candidi corridoi istoriati dal dolore. // Adesso so, con la più assoluta e crudele delle certezze / che colui a cui devo la mia vita e colui / a cui io la darò non riusciranno ad incontrarsi. / So che mio padre, nonostante tutto il suo bene, / non mi permetterà di gioire appieno per la nascita / di mio figlio e so che la nascita di mio figlio / non mi permetterà di piangere mio padre come merita. // Io sono qui, con una mano stretta / a cercare di trattenere e l’altra / aperta nel gesto di accogliere, di cullare. // Non so con quale delle due sia riuscito a scrivere queste parole.

Òni volta che ciape in man ‘a pena

Òni volta che ciape in man ‘a pena

pense a mé Pare. Me par de stréndher

fra i déi una dee só MS cussì come

che le spizhighéa Lu pa’ studharle.

Me ricorde ‘e só ponte dei déi zae

e lisse, tel pòice e te l’indice.

Parché Lu ‘e ciche le fuméa senpre

in dó tenpi. Come ‘na partida de baeón,

come òni bona zhena; come ‘sta poesia.

Da quando che ‘l se ‘vea un fià pers

el se desmenteghéa senpre pì de spess

‘a mèdha messa via, cussì ‘l s’in inpizhéa

‘n’antra, e àa sera ‘l vea ‘a scassèa

dea jaca che ‘a paréa ‘na borséta colma

de muzhigòti che ae volte ‘l studhéa cussì

de prèssa e mal che capitéa de véderghe

vègner fòra un fil de fun da chea sfesa

tant che po’ l dovéa sorbirse i zhighi

de mé mare straca de cusìr su

tute chee fòdre sbusade, brusade

e mì che ò ‘e scassèe dea me jaca

‘ncora seradhe no’ so ‘ndo che pòsse

meter via el muzhigòt mèdho inpizhà

de ‘sta pena jàzha; no’ so co’ che paròe

brincarlo, co’ quae sbusàr ‘a stofa

frapadha e penda de ‘sta crudhèe nostalgia.

Ogni volta che prendo in mano la penna

Ogni volta che prendo in mano la penna / penso a mio padre. Mi sembra di stringere / fra le dita una delle sue MS così come / le pizzicava lui per soffocarne la brace. // Ricordo le sue digiti ormai ingiallite / e cancellate, nel pollice e nell’indice. / Perché Lui le sigarette le fumava sempre / in due tempi. Come una partita di calcio, / come ogni cena decente; come questa poesia. // Negli ultimi suoi anni, da quando il male l’aveva colpito / si dimenticava sempre più spesso / della mezza messa via, così se ne accendeva / un’altra e alla fine della giornata aveva la tasca / della giacca che sembrava un sacchetto colmo / di mozziconi che a volte spegneva  / sbrigativamente e male che un filo di fumo / fuoriusciva non di rado da quella fessura / così che poi doveva sorbirsi le lagne / di mia madre stanca di rammendare / tutte quelle fodere bucate, bruciacchiate // ed io che ho le tasche dell’unica mia giacca / ancora sigillate non so dove riporre / il mozzicone fumante / di questa penna ghiacciata; non so con quali parole / raggiungerlo, con quali bucare la spessa e raggrinzita fodera / di questa crudele nostalgia.

Deusión

I cunìci i se sconde

tii cantoni dea caponèra

co’ passén; sen qua

tel dadrìo dea casa

dei nòni, e mì voéee

mostràrtii, fiòl mio,

e no’ so pì còssa dirte:

tì cussì corioso e lori

pì dispetósi dee sìmie

sie volte romài

‘ven fat fenta de ‘ndar

via, e po’ muci-muci

pì pin piàn, man par man,

sol pa’ sintìr el sfurigàr dea fuga

drento ’l scuro de l’onbrìa.

E ‘dess che ‘nden via

par davéro, so che i ‘é là,

pudhadi aa retina, co’l nasét

che ghe trema, e tì, e tì

te ‘a tièn un fià pì fiapa

‘a tó man, drento

el sgranf sudhà dea mia.

Deslusione

I conigli si nascondono / negli angoli della stia / quando passiamo; siamo qui / nel retro della casa / dei nonni, ed io volevo / farteli vedere, figlio mio / e non so più cosa dirti: / tu così curioso e loro / più dispettosi ancora delle scimmie // sei volte ormai / abbiamo fatto finta di andarcene, / e poi zitti – zitti / quatti quatti, mano nella mano, / solo per sentire il grattìo della fuga / dentro il buio dell’ombra. // Ed ora che ce ne andiamo / per davvero, so che sono lì, / appoggiati col muso alla retina, col nasetto / che gli trema, e tu, e tu / la tieni già un po’ più moscia / la tua mano, ora, dentro / il crampo sudaticcio della mia.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

da “Mus.cio e roe” (Muschio e spine)

Trazhe

Calcòssa. Come un muzhigòt

de zhigareta schinzhà

te un portaciche bianco,

te l’unico tavoìn libero,

fora da un cafè: el fil

de fun che ‘ncora se lèva,

sora el filtro macià de rosséto.

O un sbrodegòt de zhiéra za dura

zó daa pinzhéta, te ‘na cesa vòdha,

‘na sera. Intant che dó posti pì in là

mèdha candéa ‘ncora ‘a continua

el ciaro dea só preghiera.

Opura ‘a zhàpega de ‘na scarpa

che par dispèt, par zogo, o par

‘na perdita de caìbrio, un sburtòn,

par senpre ‘a resterà fonda

te ‘na getàdha de ciménto.

PRESENZE.    E za distanze.

Trazhe che calcùn

el ‘assa là, e che a noàntri

ne fa pensàr, imajinàr:

un viso, ‘na storia diversa

daa nostra epùra cussì diversamente

conpagna. El fato de ‘rivàr un fià

dopo, el fato che calcùn’altro

‘rivarà un fià dopo de noantri

provando a pensàr chi che se ièra.

Tracce

Qualcosa. Come un mozzicone / di sigaretta schiacciato / in un posacenere bianco, / nell’unico tavolino libero, / fuori da un caffè: il filo / di fumo che ancora si libra, / sopra il filtro macchiato di rossetto. // O una colatura di cera rappresa / nel vassoio votivo, in una chiesa vuota, / una sera. Mentre due spazi oltre / mezza candela ancora continua / il chiarore della sua preghiera. // Oppure l’impronta di una scarpa / che per un dispetto, una burla, o per / una perdita d’equilibrio, una spinta, / per sempre rimarrà impressa / in una gettata di cemento. // PRESENZE.  E già distanze. // Tracce che qualcuno / ha abbandonato lì, e che ci / fanno pensare, immaginare: / un viso, una storia diversa / dalla nostra eppure così diversamente / simile. Il fatto di arrivare un attimo / dopo, il fatto che qualcun altro / arriverà  un attimo dopo di noi / tentando di immaginare chi eravamo.

Far miràcoi

El pastor zhòt.

Cussì ghe ‘vessi mess nome

a chea statuéta de jèss che,

cascàndome par tèra, ‘na volta,

se ghe ‘vea spacà via ‘na ganba.

Parché ‘a stesse in pie, co’l só

agneét tee spae, se ghe frachéa

soto tre ssisèe[1] te ‘a banda rota.

Po’, finìo ‘e feste, co’ se desféa

chel presepiét, se ‘a metéa via

te ‘a scàtoea co’i só tre sasséti.

Parché paréa cussì fazhie, ‘lora:

‘iutarlo parfìn a star in pie

‘sto mondo, ‘justarlo ‘ndo

che ‘l se spachéa; far miràcoi.

Come chea volta: mé fradheét,

el só Big Gin. Che figura, pa’ i mii!

Mé mare a dirghe su cativo parché,

‘pena regaeà, chel putinòt, el ièra za

butà là, desfà, te un cantón; un brazhét

che no’se ièra pì boni de catàr.

E lu, che paréa che ‘l se ‘vesse

mess in castigo da sol, sentà, tut

ssito, tel cortìo. Po’ chel só córer

drento casa tut spasemà, vèrder

‘na cassèa e pì de pressa ‘ncora

tornàr fòra co’ calcòssa de scont

soto ‘a majiéta; fermàr el pòro

Nane ferìo de guèra e slongàrghe

chel brazhét de plastica sparìo

verso chea mànega che pichéa,

smolfa, pontàdha tea só spaea

co’ un ago grando de sicurezha

“tàcheteo co’a còea. Pin

pian el cressarà”.

Compiere miracoli

Il pastore storpio. // Così la chiamavamo / quella statuina di gesso che, / cadutami dalle mani, un giorno, / rimase per sempre priva di una gamba. / Affinché stesse ritta, con il suo / agnellino sulle spalle, le inserivamo / tre sassi piatti sotto il moncone. / Poi, dopo l’epifania, quando smantellavamo / quel piccolo presepio, veniva riposta / nella scatola da scarpe insieme ai suoi sassolini. // Perché sembrava possibile tutto, allora: / aiutarlo persino a sostenersi, / il mondo, aggiustarlo, / se si rompeva; compiere miracoli. // Come quel giorno, mio fratellino, / quel suo Big Gym. Che figura per i miei genitori! / Mia madre a redarguirlo perché, / appena regalato, quel bambolotto, era già / buttato in un cantone, tutto a pezzi; un braccino / che non c’era più verso di scovare. // E lui, che sembrava si fosse / messo in castigo da solo, accucciato / in silenzio nel cortile. Poi, tutto a un tratto, quel correre / in casa trafelato, aprire / un cassetto e con più foga ancora / uscire con un oggetto nascosto / sotto la maglietta; fermare / Giovanni, il povero mutilato di guerra e allungare / quel braccino di plastica introvabile / verso la manica vuota che gli penzolava, / floscia, fermata sulla spalla / con una spilla da balia // “incollatelo lì. Pian / piano si allungherà”.

Presèpio. Diaèto

Chea strabenedhéta bona vòjia

che te ciapa de far su ‘l presèpio,

òni àno, e òni àno pì grando,

pì bèl; ‘a cura che te ghe mete,

po’, ‘a passión. Là, cuzhàdha,

par tèra, drio ‘l cantón dea sàea,

tì, cussì maeandàdha, che se ‘o

capìsse, sàtu? quant che te diòl

i dhenòci, dopo, co’ te lèva su…

là, a pontàr el cel pièn de stée

co’e brochéte, tel muro, a pudhàr

tute ‘e piègore tel mus.cio… e po’

el fògo, co’e lucéte che baca soto

‘a carta dee narànzhe…’e scorzhe

del ró.ro pal tét, ‘e stradhèe de jerìn,

el pozh, l’acqua che score te un lèt

de stagnòea, e lù, el Gesù banbìn,

co’i brazhéti vèrti, in fra ‘a pàjia

e un nido de bachéti incrosàdhi…

Pa’ i nevodhéti, lo so, capìsse…

ma tì no’ te capìsse che no’é pì tenpi

e reijión, che mì no’ò pì tenpo de ‘ndar

in zherca del mus.cio che té ocóre,

che no’sò pì ‘ndove ‘ndar a catàrlo…

e che no’ i ghe crede pì, i bòce: l’é

pì ‘l deghèio che i fa su… che dopo

té sacramentéa, a tacàr co’l scòc

‘a carta che i sbrèga pa’ tocàr co’

i déi ‘e stée, a cavàr via dal mus.cio

i sasséti  dee stradhée sbaràdhe,

a méter in pie ‘e statuéte rebaltàdhe…

che me vignaràe squasi vòjia de dirte

basta, Mare, ‘àssea star ‘sta poesia,

santa; e varda i nostri paesi, pitòst

varda! che saràe da inpinìr el mus.cio

(mus.cio che ‘sto àno ò vist parfìn

tee scansìe de l’Ipercòp; che i ‘o

vendéa, capissìtu? i vende anca

quel romài! che saràe da inpinìrlo,

chel mus.cio, co ‘e scàtoe dee scarpe

e co quee dee tó medesìne, dee mé ciche,

cussì, a somejiàr tuti ‘sti capanóni, i Centri

Comerciài, che l’é quea, romài, ‘a realtà

che i tó nevodhéti conósse… el tubo dea carta

da cèsso a far ‘e ciminière… i Re Magi

farli ‘rivàr sora ae machinéte de mé fiòl:

al modheìn de un gipón, de ‘na Bièmewu,

de ‘na Mercèdes, altro che camèi…

che ‘l Gesù banbìn no‘l va in tivisión,

tii reàliti, tii tolc-sciò, e ‘lora no’ l’esiste,

capissìtu? no’ l’é un vip, no ‘l conta pì nient…

Vàrdene, Mare: sen qua, mì e tì, tì co’e tó

statuéte, el mus.cio, mì co’e mé pòre paròe,

el diaèto; vàrdene: sen qua a provàr a tègner

fermo un mondo che scanpa via senpre pì

de prèssa, infagotàndoeo de sintimenti,

popoeàndoeo de erba e pastori, de storie

che ‘e sa da fen, da mufa. Fen pròpio da rider!

però, ‘scólteme, Mare: ‘ndarò in zherca

del tó mus.cio anca l’àno prossimo, te ‘o prométe

continuarò a‘ndar in zherca de paròe

vèce, òni dì, pa’a mé poesia, ‘l presèpio

e pa’ i nevodhéti che mé rivarà, anca a mì…

Presepe. Dialetto

Quell’irrinunciabile desiderio / che ti prende di allestire il presepe, / ogni anno, e ogni anno più ampio, / più ricco; la cura, minuziosa, in ogni suo dettaglio, / la passione. Lì, accucciata / sui calcagni in un angolo della sala, / tu, così malandata che, lo / capisco, sai? quanto ti dolgano / le ginocchia, poi, mentre ti risollevi… // lì, a fermare il cielo stellato / con le puntine da disegno, nel muro, a sistemare / tutte le pecore nel muschio… e il fuoco, / poi, con le luci intermittenti sotto / un batuffolo di carta delle arance… le cortecce / grinzose del rovere per il tetto, le stradine di ghiaino, / il pozzo, l’acqua che scorre in un letto / di stagnola, e lui, il Gesù bambino, / con le braccine aperte, fra la paglia / e un nido di bastoncini incrociati… // per i nipotini, lo so, capisco… // ma tu non capisci che non è più tempo / che non c’è più sacralità, che io non ho più tempo per andare / a raccogliere il muschio che ti serve, / che non so neppure dove andare a cercarlo, poi!… / e che non ci credono più, i bambini: è più / il disastro che combinano… che poi / sbuffi, a riattaccare con il nastro adesivo / la carta che strappano per toccare le stelle / con le dita, a togliere dal muschio / i sassolini delle stradine sparpagliate, / a mettere in piedi statuine ribaltate… / che mi verrebbe quasi voglia di dirti / basta, mamma, lasciala perdere questa poesia, / sacra; e guarda i nostri paesi, piuttosto // guardali! che sarebbe da riempire tutto il muschio / (muschio che quest’anno ho persino visto / fra gli scaffali dell’Ipercoop; che era / in vendita, capisci? vendono anche quello / ormai! che sarebbe da disseminarlo, / quel muschio, di scatole di scarpe / e di quelle delle tue medicine, delle mie sigarette, / così, a figurare questi distretti di capannoni industriali, di Centri / Commerciali, che sono, ormai, il reale paesaggio / che i tuoi nipotini vivono, conoscono… il tubo della carta / igienica per mimare ciminiere… i Re Magi / farli arrivare su di una di quelle macchinine di mio figlio: / al modellino di un fuoristrada, di una Bmw, / di una Mercedes, altro che cammelli… / che Gesù bambino non appare in tivù, / non va ai reality, ai talk-show, e quindi non esiste, / capisci? non è un vip, non è più nessuno… // Guardaci, mamma: siamo qui, io e te, tu con le tue / statuine, il muschio, io con le mie povere parole, / con il dialetto; guardaci: cerchiamo, strenuamente, di trattenere / a noi un mondo che si allontana a una velocità / impressionante, avvolgendolo di valori, di sentimenti, / popolandolo di erba e pastori, di storie / che odorano di fieno, di muffa. Siamo proprio ridicoli! // però, ascoltami, mamma: andrò a raccogliere / il tuo muschio anche il prossimo anno, te lo prometto // continuerò a raccogliere parole / vecchie, ogni giorno, per la mia poesia, per il presepe / e per i nipotini che arriveranno anche a me…

da “Entità”

io lo so che le mani hanno

bisogno delle cose e che

le cose sono come in attesa

lì dove stanno e so anche

che il sogno giunge spesso

ad una resa indecorosa

con se stesso con l’inganno

che sia natura delle cose invece

andare incontro alle mani ferme

qui perché sognare più non sanno

*

ma c’è invece anche

chi ad esse si sottrae

ben volentieri e si priva

delle cose a lui più care

per fare l’inattesa felicità

di qualcuno cui vuol bene

o a perpetuare un’antica

consuetudine familiare

(quell’anello d’oro con giada

che si tramanda da madre

in figlia da suocera a nuora

per esempio) o chi si disfa

di ogni suo bene per partire

scalzo verso il sacro tempio

del bisogno e della poesia

*

gratis è il sorriso

che tradisce e gratis

è l’attesa e l’ombra

che cresce nella borsa

della spesa è gratis

sì anche quella sembra

dire quasi un’altra specie

di grazia la magica parola

crederci poi è arte che consola

ma così raro è il regalo

ormai e gratis solo un nome

antico che muore idiota

nell’alveo di devote illusioni

 

 

 

 

 

 

 

da “Fabrica”

Varda chii operai, varda

come che i se perde via

fra i só pensieri intant che

i se fuma ‘na cica sentàdhi

contro ‘l muro dea fabrica

vàrdii, stràchi e spàzhi,

co’i gins che ‘na volta

i ièra quei boni, e ‘dess

i ‘é sol un pèr de bràghe

màssa curte e taconàdhe

co’ chee camise smarìdhe,

‘e scarpe zhòzhe de còea

o de ojàzh, zhéjie e cavéi

zai de segadùra. I par squasi

dei pajiàzhi scanpàdhi via

da un circo, cussì, ridìcoi

e maincònici come i comici

del cinema mut, e muti i ‘é

anca lori parché ‘a fadìga

ghe ‘à portà via ‘a paròea

vàrdii ‘dèss che i schinzha

‘a cica soto i pie e a testa

bassa i torna dae machine

che spèta ‘ncora i só sèsti

servi; i sogni soeàdhi lontani.

Guarda quegli operai, nota / come sono assorti / fra i loro pensieri mentre si / concedono una sigaretta seduti / contro il muro della fabbrica // guardali, stanchi e sporchi, / con i jeans che un tempo / erano alla moda, ed ora / sono solo un paio di brache / troppo corte e rattoppate // con quelle camicie sbiadite, /  le scarpe lerce di colla / o di oliaccio, ciglia e capelli / gialli di segatura. Sembrano quasi / dei clown fuggiti // da un circo, così, ridicoli / e malinconici come i comici / del cinema muto, e muti sono / anche loro perché la fatica / gli ha estirpato la parola // guardali ora mentre schiacciano / la cicca sotto i piedi e a capo / chino ritornano dalle macchine / che attendono ancora i loro atti / servili; i sogni volati altrove.

Un zhigo. E po’l nostro

‘córer verso ‘l compagno

che i ‘é za drio portàr via;

‘na só man infagotàdha

tel traversón nero del capo.

E chea macia de sangue

scuro là, tea segadhura,

come un continente nòvo

te ‘na carta gìografica

del lavoro; cussì de sèst

tea segadhura. ‘E jozhe

perse drio i reparti par

che ‘e segne un sentiero

de doeór. Po’ chel bissi-

bissi bass fra un siénzhio

che pesa. Se va in zherca

dei dó tòchi de déo come

che, altre volte, se zherca

‘l càibro, ‘l bòro o ‘a ciave

da disdòto… Calcùn varda

chea lama colpévoe… Po’

el capo ne ricorda che no’

sen qua pa’ perderse via;

se torna sòchi drio i tòchi

da far, co’i déi che trema.

Un urlo. E poi il nostro / accorrere verso il collega / che già stanno portando via; / una sua mano avvolta / nel grembiule nero del capo. // E quella chiazza di sangue / scura, lì, sulla segatura, / come un continente nuovo / nella carta geografica / del lavoro; così opportunamente // sulla segatura. Le gocce / sparse lungo i reparti sembra / che traccino un sentiero / di dolore. Poi quel brusio / di voci sommesse fra un silenzio // che pesa. Si cercano / due falangi come, / altre volte, si è cercato / il calibro, il pastello di cera o la chiave / da diciotto… Qualcuno guarda // quella lama colpevole… Poi  / il capo ci ricorda che non / siamo qui per perdere tempo; / e mesti ritorniamo ai nostri pezzi / da fare, con le dita tremanti.

Marta l’à quarantatrè àni.

Da vintizhinque ‘a grata

cornìse co’a carta de véro,

el tanpón, ‘a ghe russa via

‘a vernìse dura dae curve

del ‘egno; e ghe ‘à restà

come un segno tee man:

carézhe che sgrafa, e onge

curte, da òn. I só bèi cavéi

biondi e bocoeósi i ‘é ‘dèss

un grop de spaghi stopósi

che nissùna peruchièra pòl

pì tornàr rizhàr. Co’a cata

‘e só care amighe maestre

o segretarie, ghe par che

‘e sie tant pì zóvene de ea,

‘a ghe invidia chee onge

cussì rosse e longhe, i cavéi

lissi e luminosi, chii déi

ben curàdhi, co’ i sii pàra

drio ‘e rece, i recìni. Le

varda e spess ‘a pensa

al só destìn: tuta ‘na vita

persa a gratàr, a gratarse

via dal corpo ‘a beézha.

Marta ha quarantatre anni. / Da venticinque / leviga cornici col tampone, / la carta abrasiva, con questi umili strumenti frega / la vernice dura nelle modanature // del legno; e le è rimasto / come un segno nelle mani: / carezze che graffiano, e unghie / tozze, da uomo. I suoi bei capelli / biondi e ondulati sono ormai // un groviglio di spaghi stopposi / che nessuna parrucchiera potrà / più rimodellare. Quando incontra / le sue coetanee, maestre / o segretarie, le trova // tanto più giovani, / le invidia quelle unghie / così rosse e lunghe, i capelli / lisci e luminosi, quelle dita / ben curate, quando se li scostano // dietro le orecchie, gli orecchini. Le / osserva e spesso pensa / al suo destino: tutta una vita / persa a grattare, a fregarsi via dal corpo la bellezza.

Da “Rosario de siénzhi” (Rosario di silenzi)

‘Pena fora da ‘na caséta, qua in paese

– cimentàdha te blòchi de pièra in banda

a un portonzhìn mèdho sventrà – sta

‘na incùdhene. Chissà se vive un fàvaro

qua, o se ‘a ‘é stadha fissàdha là pa’

chiunque ‘a pòsse servirghe: indrezhàr

ciòdhi, o calcòssa de pì fin magari, un

rizh de fèro a far pì bèa ‘na fioriera…

Mì vègne qua òni matìna, me sente da

vizhìn, e cave fòra daa sachéta ‘e mé

pòre inprestiòe. Pùdhe el quaderno

sora aa piastra e prove a modheàr

‘ste mé paròe de fil de fèro, da paeàdha,

stòrdher ‘e roe ai reticoeàti. Fae i rizhéti

tee A, tee R, come i bòce ai primi dì de

scuòea, come ‘i amanuensi tei testi sacri.

Davanti a una casetta, poco distante dalla soglia, qui in paese  / – cementata su blocchi di pietra accanto / a una porticina sventrata – sta / un’incudine. Chissà se vive un fabbro // qui, o se è stata fissata lì per / chiunque a cui possa servire: raddrizzare / chiodi, o qualcosa di più certosino magari, un / ricciolo di ferro ad abbellire una fioriera… // Io vengo qui ogni mattina, mi siedo accanto / ad essa, e sfilo dal marsupio i miei / umili strumenti. Appoggio il notes / sopra la piastra e provo a modellare // queste mie parole di filo di ferro, da recinzione, / storcere le spine ai reticolati. Curvo i riccioli / alle A, alle R, come gli scolaretti alle prime / parole, come gli amanuensi nei testi sacri.

[nella casa-museo Ruttar, a Clodig]

L’é ‘a mare de Mario Ruttar (nonànta

àni de grinta e ciàcoea drio ‘i òci ciari)

che ‘a mé fa da “Cicerona” fra vetrine

e scaffài, fra i panèi fissi de ròbe vèce

picàdhe ai ciòdhi, ordinàdhe in spìroea

sora i banchi. Robe che parla sienzhióse

che dise fadhìga e indhégno, inpreste

sacre te ‘sto museo dea civiltà popoeàre

in tee Vàe. Là, fra tanàjie e ciave, fra

madhàjie e martèi, rastèi e manère, fra

tute ‘e creazhión possìbii de pièra e de

fèro, de lana e de ‘egno, mé colpìsse

come un verso pers da Ungaretti drio

‘e trincèe del Carso, chea inpìria fata

su co’ un elmét dea guèra granda: saldà

tel colmo un tubo, un cono de fèro. Pa’

travasàr aqua, vin, opùra far scoeàr via

el sangue dea vitoria, l’odio, ‘a paura?

È l’anziana madre di Mario Ruttar (novanta / anni di tenacia e favella dietro gli occhi chiari) / che mi guida fra vetrine / e scaffali, fra pannelli fitti di cose antiche / appese ai chiodi, ordinate in fila / sopra i banconi. Oggetti che parlano silenziosi // che dicono fatica e ingegno, strumenti / sacri in questo museo della civiltà popolare / nelle Valli. Lì, fra tenaglie e chiavi, fra / medaglie e martelli, rastrelli e asce, fra / ogni possibile creazione di pietra e di / ferro, di lana e di legno, mi colpisce // come un verso perduto da Ungaretti lungo / le trincee del Carso, quell’imbuto inventato / da un elmetto della grande guerra: saldato / nella sua cupola un tubo, un cono di ferro. Per / travasare acqua, vino, / oppure far scolare / il sangue della vittoria, l’odio, la paura?

Da “Siénzhio e orazhión” (Silenzio e preghiera)

Pan e paròe

(Come si mangia un pane

non invocano il Nome)

Bibbia, Salmi, libro primo, 14[2]

Pan e paròe

l’é sempre stat ‘l mé past,

‘a mé eucarestia; senpre

l’é stat carestia de schèi

tee mé scassèe, caro Dio

tì te ‘o sa, e te sa che mai

te ‘ò domandà un calcòssa

de pì, che senpre quel che

te me ‘à dat ‘l me ‘à bastà

ma ‘e paròe che conzha

chee dó fete de pan le ‘é

senpre ‘e mie, quee che

ghe ‘ò sgrafà via dal jazh,

dal siénzhio, e ‘a fame che

me cresse drento la ‘é quea

dee tue, de una soea, inmanco.

Fàme savér se te son caro,

se te me tièn de cont, fàea

anca tì ‘a tó part, saràe ora

no, no’ te par? Fàme ‘rivar

zo ‘na pàrticoea de pase,

‘na vose fata sol de un rajo

de ciaro; son qua co’e man

vèrte che la spète, al scuro,

co’e fete de chel pan. Za duro.

Pane e parole

Pane e parole // sono sempre state il mio pasto, / la mia eucaristia; sempre / è stata carestia di lusso / nella mia vita, caro Dio // tu lo sai, e sai che mai / ti ho chiesto qualcosa / in più, che sempre ciò che / mi hai donato mi è bastato // ma le parole che farciscono / quelle due fette di pane sono / ancora una volta  le mie, quelle che / ho graffiato via dal ghiaccio, // dal silenzio, e la fame che / mi cresce dentro è quella / delle tue, di una sola, almeno. / Fammi sapere se ti sono caro, // se ti sono importante, falla / anche tu la tua parte, sarebbe ora / no, non ti sembra? Mandami / giù una particola di pace, // una voce fatta solo di un raggio / di luce; sono qui, fermo, con le mani / aperte che la attendo, al buio, / con le fette di quel pane. Ormai raffermo.

da “Co’e man monche” (Con le mani mozzate)

‘Dèss che del miràcoeo l’é restà

sol l’eco zhigà pa’ piazhe e bar,

e ‘l nord-est l’é ‘tornà a èsser

un grun de paesi persi tel caìvo

fra stradhe e capanóni stuàdhi

e ‘l sant l’é passà via ciamàndo

un brut nùvoeo nero da tenpesta

co’l só vècio pastràn da Pantaeón,

se ‘spèta i grani tea testa sperando

che Dio èpie remissión dee nostre

vite senza casco, senza paracadute

intànt che se casca drento ‘sto burón

scuro, fra boéte che sóea come fòjie

de un ‘utùno da luto: ‘e man come

forche butàdhe de nòt drento ‘l pozh.

Ora che del miracolo è rimasto / solo l’eco urlato per piazze e osterie, / e il nord-est è tornato ad essere / un reticolo di paesi persi nella nebbia / fra strade e capannoni spenti // e il santo è passato via annunciando una nuvolaglia nera da tempesta / col suo vecchio tabarro da Pantalone, / attendiamo la grandine sulla testa sperando / che Dio abbia remissione delle nostre // vite senza casco, senza paracadute / mentre precipitiamo in questo abisso / buio, fra bollette che svolazzano come foglie / di un autunno da lutto: le mani come / forche gettate di notte dentro il pozzo.

X

Prova ‘ndarghe ‘dèss, prova

– magari parché te sì de nòvo

in zherca de un lavoro – farte

un giro drio i capanóni, ‘torno

‘sti labirinti de stradhèe drete

e ‘ste muréte… da videozògo.

Prova a vardàr tute chee tasse

de bancài rebaltàdhi, de nàili

verdi che sèra su scarti, ròba

che no’ va via, rùi o machine

da salvàr daa rùdhene, prova;

biìci, o motrice parchejàdhi

drio ‘e paeàdhe, fra ‘e spine

dee righe come mostri morti,

ribandonàdhi dae commesse[3],

dai autisti; e sinti, come che

se ‘a snasa, te l’aria ‘sta crisi,

e come che ‘a se disegna, po’,

te ‘sti liòghi. ‘E carte che core

tel ‘sfalto, no’ le ‘é pì i schèi

che ‘à cronpà anca l’ànema;

tase ‘e vose che comandéa:

tel siénzhio che resta se passa

come in mèdho ai rovinàzhi.

X

Prova ad andarci ora, prova / – magari perché sei di nuovo / in cerca di un lavoro – a farti / un giro lungo i capannoni, intorno // a questi labirinti di stradine dritte / e perimetri murarî… da videogame. / Prova a osservare tutte quelle pile / di bancali rovesciate, di teli // verdi ad avvolgere scarti, prodotti / non più richiesti, rulli o macchinari / da proteggere dalla ruggine, prova; / bilici, o motrici parcheggiate // lungo il recinto, fra le lische / delle righe come mostri morti, / abbandonati dalle commesse, / dagli autisti; e senti come // si avverte, nell’aria, questa crisi, / e come si disegna, poi, / in questi luoghi. Le cartacce che corrono / sull’asfalto, non sono più i soldi // che comprarono anche l’anima; / tacciono le voci che impartivano gli ordini: / nel silenzio che rimane si cammina / come sopra alle macerie.

XV

Incùo el mé fiòl pì pìcoeo

l’é ‘rivà daa só camaréta

co’ un pòche de machinete

rote in man, rodhèe e tòchi

de plastica che ghe caschéa

fra ‘e piastrèe del pavimento

– ‘a só voséta prima de lù, là,

drio ‘l coridòio – “papà, se

non riesci a trovare lavoro

in una fabbrica potresti fare

il meccanico che aggiusta le

macchine intanto incomincia

a giustare le ruote di queste

mie che sono rotte”. E ‘lora

méterme là co’ un cazhavidhe

cèo e ‘a pazhienza che no’ò

mai bbu, a provàr, ‘na rodhéa

cavàdha de qua e una ‘tacàdha

de ‘à, a tornàr a far córer chee

machinete. Chissà se ‘l destìn

varà ‘a stessa pazhienza, co’

mì, se ghe sarà un calcùn bon

de tornàrme invidhàr i sèsti,

tee man, parché ‘e pòsse tornàr

a córer anca lore… pa’l pan.

XV

Oggi il mio figlio più piccolo / è arrivato dalla sua cameretta / con un mucchietto di macchinine / rotte fra le mani, ruote e pezzi // di plastica che gli cadevano / sulle piastrelle del pavimento / – la sua vocina prima di lui, lì, / lungo il corridoio – “ papà, se / non riesci a trovare lavoro // in una fabbrica potresti fare / il meccanico che aggiusta le / macchine intanto incomincia / ad aggiustare le ruote di queste // mie che sono rotte”. E allora / mettermi lì con un cacciavite / da orologiaio e la pazienza che non ho / mai avuto, a cercare, una ruota // tolta di qua e una fissata / di là, a tornare a far correre quelle / macchinine. Chissà se il destino / avrà la stessa pazienza, con // me, se ci sarà qualcuno capace / di riavvitarmi i gesti, / nelle mani, affinché possano ritornare / a correre, anch’esse… per il pane.


[1] quei sassi piatti e rotondeggianti, che spesso si trovano lungo il greto dei fiumi, e che si lanciano, per antico passatempo, a saltellare sul pelo dell’acqua.

[2] Da “I salmi”, Einaudi, 1967, traduzione di Guido Ceronetti.

[3] Qui intese, naturalmente, come ordinativi.

Annunci

6 Responses to Percorso d’Autore: Fabio Franzin

  1. renzomarillo ha detto:

    Grazie dell’ampia selezione, che fa emergere il poeta in italiano accanto al più conosciuto poeta dialettale. La voce mi pare unica, con qualche lieve difformità, ma una, e solida. Non sono certo il primo a dirlo. Attendo la nuova uscita, che nella presentazione già dice tutto: il canto di questa nuova ondata di cassaintegrazione (spesso pilotata… pilotata verso il licenziamento, purtroppo, economicamente non giustificato) si chiamerà “con le mani mozzate”. Segno di come la poesia civile di Franzin sia gesto umano, iscritto nel corpo, vissuto quotidiano e non portato ideologico (perciò, neanche post-ideologico), quello del padre a cui il figlio porge le macchinette, in una delle poesie più potenti riportate qui.

  2. enricocer ha detto:

    È, quella di Franzin, una poesia che nasce lirica ma che nel contaminarsi con la materia del vissuto diventa canto civile in cui si vivifica la realtà del lavoro operaio, troppo spesso, e a torto, considerata marginale. In questi versi, specie in quelli di Fabrica, emerge una realtà che non si sovrappone alle ideologie perché si tratta di una realtà che ha conosciuto una trasformazione che i più hanno ignorato: la realtà del lavoro che muta mentre nell’aria da decenni si respira irrealtà, si ispessisce il respiro nella sedentaria rappresentazione del movimento. Versi di verità che non idealizzano, che non lasciano intatte le coscienze.
    Una voce, questa di Franzin, ormai inconfondibile che può solo ispessirsi e consolidarsi nella frequentazione della realtà.

  3. Fabio Franzin ha detto:

    Ringrazio, davvero di cuore, Enrico Cerquiglini per avermi proposto di apparire qui su “La Ginestra” e per le sue parole di stima. E ringrazio, altrettanto di cuore, Renzo Marillo per il suo prezioso commento.
    Carissimi saluti, con affetto. Fabio

  4. enricocer ha detto:

    Caro Fabio, volevo chiederti, non avendo mai avuto occasioni di farlo, a cosa è dovuta la scelta dello scrivere in dialetto?
    Probabilmente è una domanda che ti avranno già fatto in molti, ma in questi ultimi tempi la riflessione sulla lingua che si usa per scrivere, poesia o versi, credo che non sia marginale.
    Grazie per il dono fatto alla Ginestra con i tuoi testi.
    Enrico

  5. Luca Ariano ha detto:

    Con vero piacere rileggo queste poesie. Ho avuto la fortuna di avere in dono il cartaceo. Un Franzin un po’ diverso ma con una suo imprimatur ben definito.
    L’impianto lirico c’è sempre in Fabio e penso sia la sua prima ispirazione; da qualche anno ha preso una via “sociale” (preferisco questo termine a civile) notevole e, credo, documento fondamentale per capire questa nostra disstrata epoca.

    Un caro saluto

  6. Fabio Franzin ha detto:

    Caro Enrico, scusa se arrivo solo ora per rispondere alla tua domanda, ma sono stato via. Ho espresso le ragioni di una scelta, che scelta non è, in un articolo scritto per “Trickster” una rivista dell’università di Padova, poi ripresa in:
    http://www.absolutepoetry.org/IMG/pdf/con_la_lingua_stretta_in_una_morsa.pdf
    Basti dire che, come mi disse una volta Achille Serrao: “non è il poeta che sceglie la lingua in cui scrivere, ma è la lingua che sceglie il, e per, il poeta”. Più riduttivamente, a un certo punto del mio percorso, mi sono accorto che il dialetto si era impossessato della mia poesia, che solo in dialetto riuscivo a dire ciò che emergeva, con più verità.
    Le incursioni in lingua sono solo un bislacco tentativo di liberarmi da questo giogo, incursioni che ormai ho quasi del tutto abbandonato. Ma nel 2011 uscirà per la collana “Versus” di CittàNuova diretta da Daniele Piccini, un’ampia raccolta (parte in lingua, parte in dialetto) che raccoglie un po’ tutto il mio lavoro inedito in lingua.
    Ti abbraccio, così come abbraccio il caro Luca, sempre così presente, sempre così vicino.
    Con affetto. Fabio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: