Cosa esce da La casa viola di Marco Scalabrino?

di Enrico Cerquiglini

 

Dopo aver letto La casa viola di Marco Scalabrino viene spontaneo chiedersi quale sia attualmente la situazione del dialetto in Italia. Quelle che potevano essere considerate, con Pasolini, ancora cinquant’anni fa, le “lingue della realtà”. In questi ultimi decenni hanno visto dissolversi la realtà. Il progresso tecnologico, l’industrializzazione – la susseguente deindustrializzazione del paese – e l’avvento di nuovi mezzi di comunicazione di massa (tra questi, le reti telematiche) che si sono affiancanti ai tradizionali (quotidiani, radio e, soprattutto, televisione) con relativi linguaggi, spesso tecnicistici e di matrice anglofona, hanno finito per relegare i dialetti in un privato sempre più ristretto e li hanno spesso irrimediabilmente corrotti con strafalcioni adattati dalla lingua nazionale da ridurli a sistemi comunicativi caricaturali o triviali, denotanti spesso una mancata scolarizzazione dell’utilizzatore. Permangono, ed è fortunatamente vero, isole dialettali laddove il sistema lessicale e morfosintattico dell’italiano non si sovrappone automaticamente a quello dialettale. In queste isole coesistono produzioni letterarie italiane e dialettali. Spesso, però, al versante dialettale si demanda il bozzetto, il pezzo di colore, lo sberleffo, la volgarità (un uso reazionario della scrittura, alla ricerca dell’idiotismo piuttosto che dell’arte) mentre al tema serio si riserva il codice linguistico dell’italiano letterario, quello, per intenderci, della tradizione e alta e/o accademica.

Ricapitolando sembra che agli autori dialettali sia riservato il campo della facezia e della volgarità – contribuiscono a questo svilimento dissennato molti pseudo cultori che si muovono con piglio erudito per sdoganare il becero, il triviale, lo strafalcionismo nato dalla contaminazione tra dialetto e lingua italiana, allo scopo di ricercare una risata socialmente razzista.

Fortunatamente capita, anche se sempre più raramente, di incontrare opere come La casa viola di Scalabrino. Da questa casa esce poesia vera, e questo a prescindere dal codice linguistico usato.

Nel libro scorre la vita che si compone nei grafemi del dialetto trapanese-siciliano (oserei dire, di una lingua minore, ma l’aggettivo è riferibile solo all’estensione territoriale). Non abbiamo in questo testo nessuna delle caratteristiche deleterie della produzione vernacolare bensì un’attenzione straordinaria ai suoni, alla musica – che non diventa mai abbandono al canto – al nitore dell’immagine. Anche il ricorso all’anafora diventa un ribadire, fino al mantra, l’esperienza del vivere anche in situazioni tutt’altro che idilliche. Il dialetto di Scalabrino è lingua epica e tragica e soprattutto sottratta alla facile versificazione, alla retorica che ha fatto del dialetto la lingua incapace di esprimere la pienezza del vissuto. La stessa presenza di termini non riconducibili al dialetto trapanese (come acutamente evidenzia Flora Restivo nella sua appassionata prefazione) ci inducono a riflettere su questa poesia che aspira ad uscire da confini spaziali ristretti per com/prendere e darsi.

I versi de La casa viola sono spesso scaglie che entrano nelle carni e finiscono, lontano da ogni tentativo moralistico e sentenzioso, per dirci e darci il dolore di fondo della condizione umana, tutto racchiuso in un punto a centro pagina, circondato da un vuoto che è sospensione, precarietà, silenzio. Un silenzio che si avverte come necessità, come base per far emergere il dettato della parola poetica di Scalabrino.

 

da: Marco Scalabrino, La casa viola, Castel di Judica, Edizioni del Calatino, 2010:

 

La casa viola

Staiu

na casa

cu li naschi viola.

 

Stulani

a conza

di collamitina.

 

E lampi

e trona

pi viviruni.

 

La casa viola

 

Abito

una casa

con le narici viola.

 

Inquilini

a prova

di colla d’amido.

 

E lampi

e tuoni

in terrazza.

 

 

 

Trad. Maria Pia Virgilio

 

 

****

 

Prosit

Na coccia.

Na larma.

Un biccheri.

Un quartinu.

Menzu litru.

Na buttigghia.

Un valliri.

Na vutti.

Un fiascu!

Prosit

Una goccia.

Un sorso.

Un bicchiere.

Un quartino.

Mezzo litro.

Una bottiglia.

Un barilotto.

Una botte.

 

Un fiasco!

 

 

 

Trad. Maria Pia Virgilio

 

 

****

 

Indiani

Pigghiu

la pistola

e sparu:

Pum!

Pigghiu

la pistola

e …

Pum! Pum! Pum!

Signu

a la lavagna

l’indiani

e li binzinari ammazzati.

Indiani

Prendo

la pistola

e sparo:

Pum!

Prendo

la pistola

e …

Pum! Pum! Pum!

Segno

alla lavagna

gli indiani

e i benzinai ammazzati.

 

 

Trad. Maria Pia Virgilio

 

 

****

 

Coti a volu!

 

Un ciuri sempri chiù

tennaru

ntra li cosci

 

ussu tu, ussu jò

 

spassu garantitu

 

e picca sghèi.

 

 

Colte al volo!

 

Un fiore sempre più

tenero

tra le cosce

 

zitto tu, zitto io

 

spasso garantito

 

a buon mercato.

 

 

 

Trad. Maria Pia Virgilio

 

 

****

 

Figghi

 

 

 

Aju dui figghi.

 

Una, di carni

sangu

lingua …

 

l’autra, di pezza

pezza

pezza.

 

Aju dui figghi

e basta.

 

Figlie

 

Ho due figlie.

 

Una, di carne

sangue

lingua …

 

l’altra, di pezza

pezza

pezza.

 

Ho due figlie

e basta.

 

 

 

Trad. Maria Pia Virgilio

 

****

Sapuni n°5

 

Na calandra di numari

 

1939

1940

1941

1942

1943

1944

1945

 

marcati a focu nna la carni

di la Storia.

 

Sapone n°5

 

Un perpendicolo di numeri

 

1939

1940

1941

1942

1943

1944

1945

 

marcati a fuoco nella carne

della Storia.

 

Trad. Maria Pia Virgilio

 

****

C’è . . .

 

C’è tanfu di morti e scrusciu di guerra.

 

C’è in giru arrè pi st’Europa lasca

crozzi abbirmati cu li manu a l’aria.

 

C’è surci di cunnuttu assimpicati

chi abbentanu, ogni notti di cristallu,

li picca l’esuli l’emarginati.

 

C’è forbici ammulati di straforu

chi tagghianu di nettu niuru e biancu

lu sud lu nord lu pregiu lu difettu.

 

C’è vucchi allattariati di murvusi

chi masticanu vavi di sintenzi

cu ciati amari chiù di trizzi d’agghia.

 

C’è svastichi c’è fasci c’è banneri

chi approntanu li furni a camiatura

cu faiddi di libra e di pinzeri.

 

C’è culi ariani beddi e prufumati

chi strunzianu fora di li cessi.

 

C’è di quartiarisi; c’è di ncugnari.

 

C’è catervi di cazzi di scardari

– droga travagghiu paci libirtà

giustizia malatia puvirtà …

 

e c’è na razza sula: chidda umana.

C’è . . .

 

C’è lezzo di morte e brontolio di guerra.

 

C’è ancora in quest’Europa lacerata

scheletriche braccia

le falangi contorte alzate al cielo,

le orbite ridotte vermicaio.

 

C’è topi di fogna assatanati

che azzannano

in notti di cristallo rosso-sangue

i deboli, i reietti, i senza-voce.

 

C’è subdole forbici affilate

che separano senza pietà

il bianco e il nero, il sud e il nord

chi ha diritto di vivere e chi può morire.

 

C’è bocche ributtanti

che vomitano sentenze dal fiato greve

più di spicchi d’aglio.

 

C’è svastiche c’è fasci c’è bandiere:

divampano i forni assassini

e ottuse lingue di fuoco

divorano sapere e civiltà.

 

C’è culi ariani lisci e profumati

che stanno facendo del mondo una latrina.

 

C’è da stare alla larga;

c’è da tenerci stretti e far barricate.

 

C’è cataste di rogne da grattare

– droga, lavoro, pace, libertà

giustizia, malattia, povertà …

 

e c’è una razza sola: quella umana.

 

Trad. Flora Restivo

 

 

****

 

Palluni

 

 

Hâ’ cafuddari pidati nta un palluni.

Hâ’ cafuddari pidati nta un palluni.

Hâ’ cafuddari pidati nta un palluni.

Hâ’ cafuddari pidati nta un palluni.

Hâ’ cafuddari pidati nta un palluni.

Hâ’ cafuddari pidati nta un palluni.

Hâ’ cafuddari pidati nta un palluni.

 

 

Pallone

 

Debbo tirare calci ad un pallone.

Debbo tirare calci ad un pallone.

Debbo tirare calci ad un pallone.

Debbo tirare calci ad un pallone.

Debbo tirare calci ad un pallone.

Debbo tirare calci ad un pallone.

Debbo tirare calci ad un pallone.

 

 

 

Trad. Maria Pia Virgilio

 

 

****

 

Latru

 

 

Arrubbari na cicara di tempu.

 

P’arristari

 

latru

 

pi sempri.

 

 

Ladro

 

Rubare una ciotola di tempo.

 

E rimanere

 

ladro

 

per l’eternità.

 

 

 

Trad. Maria Pia Virgilio

 

 

****

 

Scarpi

 

Specialista di supratacchi e punti

patreternu di lazza e cirotti

 

smurfiu

li cristiani

di li scarpi.

 

Chi fini ficiru

li tochi di trentacinc’anni fa?

 

Scarpe

 

Specialista di sopratacchi e punte

signore di stringhe e lucidi

 

decifro

gli altri

dalle scarpe.

 

Che fine hanno fatto

quei brillanti giovani

di trentacinque anni fa?

 

Trad. Maria Pia Virgilio

 

****

Frivaru

 

Suli-pigghialu

di Frivaru.

 

Nta na seggia di juncu

a stenniri

l’arma mia

agghimmata.

 

Febbraio

 

 

Sole incerto

di Febbraio.

 

Su una sedia di giunco

è stesa

l’anima mia

ingobbita.

 

Trad. Maria Pia Virgilio

 

****

 

 

.Puntu. .niuru.

.a. .centru.

.di. .pagina.

 

 

 

. Punto. .nero.

.a. .centro.

.di. .pagina.

 

 

Trad. Maria Pia Virgilio

 

 

****

Ctrl+alt+canc

 

 

Copia e ncodda.

Copia e ncodda.

Copia e ncodda.

Copia e ncodda.

Copia e ncodda.

Navica.

Chiudi.

 

 

Ctrl+alt+canc

 

 

 

Copia e incolla.

Copia e incolla.

Copia e incolla.

Copia e incolla.

Copia e incolla.

Naviga.

Chiudi.

 

 

Trad. Maria Pia Virgilio

 

****

 

11 Giugnu

 

(a me patri)

 

 

Ntuppa l’ura

schifiata

 

pi li cristiani

 

e … ‘n casa mia

 

pi

li

muschi …

tti!

 

 

Ci dici a lu varveri

chi nun veni chiù.

 

11 Giugno

 

 

Sopraggiunge l’ora

infame

 

per gli uomini

 

e … in casa mia

per

le

zanza …

re!

 

 

Puoi dire al barbiere

di non venire più.

 

 

 

Trad. Maria Pia Virgilio

 

 

****

 

Battaria

 

(a Flora Restivo)

 

 

Avissivu a sentiri battaria stanotti

 

è sulu l’universu

nna tuttu lu so pisu

chi di ncapu a li mei spaddi

cu tramusciu d’ossa

e sangu e lastimi

paru paru

jusu jusu

nzina a li pedi

scinni

e nesci

e munciuniatu

di li visciri di la terra

subissa

 

nun vi spagnati.

 

 

 

Frastuono

 

 

Se doveste sentire frastuono stanotte

 

è solamente l’universo

in tutto il suo peso

che attraverso me

con sconquasso di ossa

e sangue e spasmi

per intero

giù giù

sino ai miei piedi

scende

ed erompe

e sprofonda

sgretolato

nelle viscere

della terra

 

non state a preoccuparvi.

 

 

Trad. Maria Pia Virgilio

****

Campu ancora

(a Gero Miceli)

Aju l’età

l’acciacchi

la pinzioni

 

l’accumpagnu, tri

quattru voti a notti, pi pisciari

na fimmina chi cummatti cu mia

lu parrinu a capizzu e l’ogghiu santu.

 

Campu ancora.

Culusu sugnu, dicinu

ma

avi chi nun mettu nasu fora casa …

 

E tu

ti sistimasti?

 

Sono ancora vivo

 

Sono anziano

malato

pensionato

 

ho chi mi accompagna, tre

quattro volte a notte, a fare pipì

una donna che bada solo a me

il prete al mio capezzale con l’estrema unzione.

 

Sono ancora vivo.

Sono fortunato, dicono

ma

non esco più da casa da …

 

E tu

ti sei sistemato?

 

Trad. Maria Pia Virgilio

 

****

 

Ncagghiu lu silenziu

 

(a Carmelo Lauretta)

 

 

Quantu chiù

chi nta na cantunera

s’avi puru a sbuttari

 

sta staciuni, macari

 

un canciamentu d’aria

na picata

na pagina ntra ssa tomita di libra …

 

ncagghiu lu silenziu

 

e lu fermu.

 

Imbattermi nel silenzio

 

 

Quanto più

che da qualche parte

dovrà pure sfogarsi

 

chissà che, la prossima estate

 

un cambiamento d’aria

un impiastro

una pagina di questa caterva di libri …

 

io non possa imbattermi nel silenzio

 

e metterlo sotto chiave.

 

 

Trad. Maria Pia Virgilio

 

****

Faddacchi

A fini simana

si nun cadisti di li faddacchi

picciuli ’n manu

e cu saluti.

Marchi

assegni

cosi dintra …

nisba

e musca.


Impalcatura

A fine settimana

se non sarai caduto dall’impalcatura

quattrini in mano

e via.

Contributi

assegni

e tutto il resto …

non ti provare

neanche a parlarne.

Trad. Maria Pia Virgilio

****

 

Suppa

 

 

<Siddu su’ tanti

e sparaggi di tia

e contra

 

cui dissi chi su’ puru peggiu?>

 

Ci fici suppa

nottitempu.

 

Ci ho riflettuto

 

<Se sono tanti

e diversi da te

e contro

 

chi dice che per questo sono peggiori?>

 

Ci ho riflettuto

tutta la notte.

 

Trad. Maria Pia Virgilio

 

****

 

Pinnularu

 

A taliàrili

 

manzi accomora

arrassu ddocu

leggi

 

pari

ch’iddi avissiru bulìu

putissiru tuttunzèmmula

pi li soi scarpi libiri

sdunari

suli

senza di mia

contra.

 

Chiù frati chi paraggi

– lu jiditu grossu drittu

ci attacca lu mancìu –

dui

l’unu cu l’autru a fàrisi cugnu

strata

guardia.

 

 

Un pinnularu buttìa.

 

 

Palpebra

 

 

 

A guardarli

 

fermi al momento

poco lì distanti

leggeri

 

parrebbe

dovessero avere volontà

potessero d’un tratto

per le loro libere scarpe

andare via

da soli

senza di me

contro di me.

 

Più fratelli che uguali

– il prurito assale

l’alluce destro –

due

l’uno e l’altro a sostenersi

a farsi strada

proteggersi.

 

 

Una palpebra sussulta.

 

 

 

Trad. Maria Pia Virgilio

 

 

****

 

La birritta

 

(da L. Pirandello)

 

 

Nesciu!

Aju a sturnari di sta scorcia vili

virtuali

finuta.

 

Nesciu!

Vaju a ‘ttrappari dda fruntera lustra

viritera

aperta.

 

Nesciu!

Vogghiu azziccari la risposta giusta

salutiva

eterna.

 

Nesciu

– pi nun trasiri chiù –

cu la birritta.

 

 

 

La berretta

 

 

Esco!

Voglio lasciare questa pelle gretta

finta

finita.

 

Esco!

Ghermirò aperta

verità

di frontiera.

 

Esco!

Indovinerò la risposta giusta

salvifica

eterna.

 

Esco

– per non rientrare più –

nella berretta.

 

 

Trad. Enzo Bonventre

 

 

****

 

 

Appressu

 

 

 

<Ju vogghiu essiri muntagna.>

 

<E ju la nivi eterna mmaculata.>

 

 

 

Nell’aldilà

 

 

 

<Io vorrò essere montagna.>

 

<E io la neve perenne incontaminata.>

 

 

 

Trad. Maria Pia Virgilio

 

 

 

Marco Scalabrino è nato nel 1952 a Trapani, dove risiede. Fnzionario di ente pubblico, lo studio del dialetto siciliano, la poesia siciliana, la traduzione in Siciliano e in Italiano di autori stranieri contemporanei, la saggistica sono tra i suoi principali interessi culturali.

Ha pubblicato PALORI (Documenta 2000, Palermo 1997), poesie in dialetto siciliano, ha tradotto in Siciliano Nat Scammacca e pubblicato POEMS PUISII (Arti Grafiche Corrao, Trapani 1999), ha tradotto in Siciliano le sillogi Okusiksak e Leone Assiro di Enzo Bonventre pubblicate in POESIE SCELTE (Palma Editrice, Cecina LI 2000), ha tradotto in Siciliano testi scelti di Duncan Glen pubblicati in THREE TRANSLATORS OF POEMS by Duncan Glen (Akros Publications, Scotland 2001), ha tradotto in Italiano Feast of the Dead di Anthony Fragola pubblicato col titolo Festa dei Morti e altre storie (Coppola editore, Trapani 2001), ha pubblicato TEMPU palori aschi e maravigghi (Federico editore, Palermo 2002) poesie in dialetto siciliano con traduzioni in Francese, Inglese, Italiano, Latino, Spagnolo, Tedesco, ha scritto il racconto breve in dialetto siciliano A SUA DISPOSIZIONI, tradotto in Francese da Jean Chiorboli e pubblicato in Francia (Albiana – CCU 2002), ha tradotto in Italiano Eu vivo só Ternuras di Nelson Hoffmann pubblicato col titolo IO VIVO DI TENEREZZE (Arti Grafiche Corrao, Trapani 2002), ha tradotto in Italiano Bagunçando Brasília di Airo Zamoner pubblicato col titolo SCOMPIGLIARE BRASILIA (Editora Protexto, Brasile 2004), ha pubblicato CANZUNA di vita di morti d’amuri (Samperi editore, Castel di Judica CT 2006) in dialetto siciliano, con traduzioni in Inglese, Italiano, Portoghese, ha tradotto in Italiano Parto di Inês Hoffmann pubblicato col titolo PARTO (Samperi editore, Castel di Judica CT 2007), ha adattato in Italiano la riedizione del 2008 di QUATTRU SBRIZZI di Salvo Basso, ha scritto un saggio su Vito Mercadante pubblicato nel volume del 2009 a cura del Comune di Prizzi (PA) Vito Mercadante dimensione storica e valore poetico, ha pubblicato LA CASA VIOLA (Edizioni del Calatino, Castel di Judica CT 2010) in dialetto siciliano, con traduzioni in Corso, Francese, Inglese, Italiano, Portoghese, Spagnolo e Scozzese.

Annunci

8 Responses to Cosa esce da La casa viola di Marco Scalabrino?

  1. rosaria di donato ha detto:

    Condivido pienamente il concetto che quella di Marco Scalabrino sia “poesia vera” indipendentemente dal codice usato.

    Un saluto,

    Rosaria Di Donato

  2. flora restivo ha detto:

    Cosa potrei dire? I miei punti di vista sono evidenziati nell'”appassionata prefazione” e, per chi non l’avesse letta, fanno riferimento ad una mia profonda uggia per il permanere di quel concetto riduttivo e ammuffito di poesia in dialetto come merce di seconda qualità.Quando, poi, sono costretta a guardare il panorama, mi cadono le braccia: l’ovvietà e la vuotezza,oltre che il solito risuonare di lagne ritrite, mi spinge a non voler più ascoltare voci nate già vecchie.
    Il mio rapporto con Marco, si è subito connotato,in quanto ci siamo scoperti sulla stessa lunghezza d’onda, da un punto di vista letterario e anche umano e ciò,da lunga pezza. Da qui i miei interventi, sempre “appassionati, ma mi auguro anche centrati da un punto di vista tecnico,filologico, cognitivo.
    Ogni silloge di Scalabrino, sempre lungamente pensata e limata, ha portato linfa nuova a foreste piene di alberi rinseccoliti, ma gli alberi rinseccoliti, seguitano a vegetare, aiutati in questo, da una classe di intellettuali siciliani piuttosto retriva. Mi fermo a questo punto, dato che anche questo intervento risulta “appassionato”!
    Grazie per il prezioso contributo
    La mia mail, nel caso interessasse sentire anche la mia voce;
    flora.restivo@alice.it

  3. ROSSELLA TEMPESTA ha detto:

    Ringrazio Enrico e prima ancora Manlio Scalabrino che mi ha fatto dono della sua opera.
    Personalmente trovo il dialetto siciliano una delle lingue più espressive della nostra nazione, l’uso poi che Scalabrino ne sa fare rende ancora più rigogliosa e vera la sua bella, significante Poesia.

  4. enricocer ha detto:

    Per Flora Restivo.
    Io ho usato il termine “appassionata” nella sua accezione più positiva, nel senso che lei ha messo, oltre alla competenza e alla perizia critica, una passione che, di questi tempi, è davvero rara. Segno questo, per me, di credere fermamente nel valore dell’opera di cui si parla.
    Prevale oggi un atteggiamento tecnico e distaccato nella critica, quasi si avesse a che fare con la vivisezione di un corpo morto e non con un’opera viva e vitalistica.
    Questo è il senso dell’aggettivo “appassionata”.
    Enrico

  5. flora restivo ha detto:

    Grazie mille Enrico, avevo pensato che si ponesse l’accento nel dato emozionale, tuttavia ho sempre lasciato che ciascuno fosse padrone delle proprie idee.
    Io spero di non dover mai considerare l’analisi di un testo poetico con la freddezza dell’anatomo-patologo.
    Mi auguro che la passione non mi venga mai meno.
    Un caro saluto, con molta stima.
    Flora Restivo.

  6. marco scalabrino ha detto:

    Ringrazio sentitamente Enrico Cerquiglini e LA GINESTRA per la generosa nota e per la gradita ospitalità, nonché Rosaria Di Donato, che è stata tra i primi a interessarsi di questo mio lavoro, l’“appassionata” Flora Restivo e Rossella Tempesta. A Enrico Cerquiglini, a Rosaria Di Donato, a Flora Restivo, a Rossella Tempesta e a tutti un cordialissimo saluto, Marco Scalabrino.

  7. Gentile Marco Scalabrino, conosco da tempo la Sua colta scrittura netta, incisiva, ed essenziale. Non ho letto ” La casa viola” e conosco solo qualche parola del dialetto siciliano. Mi rammarico di non poter gustare ogni scintilla del dolce idioma, per dirla con mio marito, nel mio caso sarebbe come dare la caramella a l’asinella… Anche se amo la vostra terra, quanto la mia Toscana. Chissà come sarebbero i miei testi tradotti in siciliano?
    Le auguro un ampio meritatissimo successo.
    Un caloroso e cordiale saluto.
    M. Teresa Santalucia

  8. marco scalabrino ha detto:

    GRAZIE a Teresa Santalucia Scibona per il suo gradito commento. A lei e a tutti un cordiale saluto, Marco Scalabrino.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: